Cerca
Close this search box.

NEWS DELL'ASSOCIAZIONE: Leggi il nostro Notiziario sempre aggiornato Scopri le ultime novità tra eventi e mostre Rimani aggiornato con le informazioni di servizio per i soci

Cerca
Close this search box.

SUPERPETROLIERA LUCINA

SCALA  1 A 100                LUNGHEZZA  340 cm.

Proprietà      BANCI LORENZO        Residenza modello  PISTOIA

Realizzazione  BANCI LORENZO

Leggi di più

La nave fu varata il 8 giugno 1974 nei Chantiers de l’Atlantique di Saint-Nazaire. Fu la quarta di una serie di 6 superpetroliere commissionate dalla Shell francese (LEDA, LATONA, LUCINA) e dalla Shell inglese (LATIA, LATYRUS, LABIOSA).  Come tutte le petroliere della Shell anche queste hanno il nome di conchiglie marine (vedi l’emblema della compagnia) ed a queste 6 gemelle hanno dato nomi con la “L” iniziale. La costruzione di queste V.L.C.C. (Very Large Crude Carrier, acronimo internazionale per indicare le petroliere con portata fino a 300.000 ton.) è l’emblema della corsa al gigantismo delle navi cisterna, che fu accelerata dalla chiusura del canale di Suez. Questa iniziò nel 1967 e si protrasse fino al 1975 e quindi per i paesi dell’Europa fu giocoforza percorrere il periplo dell’Africa per raggiungere la produzione del petrolio. Con navi da 300.000 t. si trasportava la medesima quantità di tre petroliere di taglia Suez ( 100.000 ton.).Una volta riaperto Suez queste navi ebbero vita breve e la LUCINA nell’83 fu noleggiata in Indonesia come stoccaggio galleggiante e nel Dicembre ’85 giunse a Taiwan per la rottamazione. Simile sorte ebbero le altre gemelle.

Il modello: è stato costruito in scala 1:100 negli anni ’82-2000 riducendo i piani originali di cantiere. Il tipo di costruzione è a doppio scafo in compensati di 3 e 4 mm con rinforzi ortogali e diagonali fra i due, con doppio rivestimento di vetroresina. Così composto lo scafo è risultato molto rigido ed assolutamente indeformabile nel tempo nonostante i carichi interni. Il ponte di coperta è stato realizzato in plexiglass e quindi insensibile all’acqua ed idoneo al fissaggio dei particolari e tubazioni che risultano così completamente smontabili per la manutenzione, spesso necessaria in un modello navigante di queste dimensioni. Con le attrezzature interne il modello è in grado, oltre che navigare alle varie velocità, di ancorarsi, ormeggiarsi, emettere fumo e potenti segnali acustici (sirena). La caratteristica più importante è la presenza all’interno di 20 cisterne della capacità totale di 200 litri che vengono riempite con pompe esterne in modo che il modello possa navigare nell’assetto più idoneo allo specchio d’acqua disponibile. Il peso (dislocamento) a vuoto è di kg 130 e quello minimo per poter governare è di kg 200 e può essere portato fino ad un pieno carico di kg 320. Il modello in acque aperte raggiunge una velocità di 8-10 kmh con un dm di virata di mt 10 ed uno spazio di arresto di 20/25 mt. In acque strette e nelle manovre portuali il modello viene assistito da due rimorchiatori appositamente attrezzati per il rimorchio e la spinta. L’energia elettrica per tutte le attrezzature di bordo,  è fornita da 3 gruppi di batterie per un totale di ca 50 A.

Post correlati