Cerca
Close this search box.

NEWS DELL'ASSOCIAZIONE: Leggi il nostro Notiziario sempre aggiornato Scopri le ultime novità tra eventi e mostre Rimani aggiornato con le informazioni di servizio per i soci

Cerca
Close this search box.

PLASTICO ULTIMO TRAM di FIRENZE

Fra i vari progetti di gruppo dell’associazione figura anche quello tranviario che consiste nella realizzazione di un grande plastico in scala HO della zona delle cure, e quindi il deposito ATAF del viale dei mille, il tutto risalente al 1958 data di circolazione dell’ultimo tram a Firenze.

Ci siamo mossi su due fronti  uno, quello della ricerca e ricostruzione della zona interessata, da ricostruire,  e quello delle vetture che poi dovranno circolare sul plastico.

Per quanto riguarda la ricostruzione storica della zona delle Cure abbiamo direttamente fatto un innumerevole numero di fotografie e misurazioni (la parte abitativa nelle sue costruzioni non è molto dissimile a quella di oggi, ma comunque ci sono in special modo tre punti enormemente cambiati e cioè, la piazza delle Cure, la zona fra il viale dei Mille e viale A. Volta all’altezza di via Pacinotti , dove adesso c’è un palazzo (oviesse, ecc). prima c’era il MULINO BIONDI  (il primo mulino a Firenze lontano dall’Arno), e soprattutto il deposito ATAF nel viale dei Mille (fra la p,za delle Cure e la Via Pacinotti) che è ancora oggi utilizzato ma è completamente cambiato nei suoi piazzali interni.  Infine sono moltissime le attività commerciali dell’epoca che non hanno riscontro oggi.

La ricerca è stata effettuata per la maggior parte consultando foto e planimetria dell’archivio storico  del comune di Firenze e dell’archivio storico dell’azienda dei trasporti Fiorentini ATAF.

Il plastico avrà una ,misura di metri 5 di lunghezza x 1,20 di larghezza,  le vetture circolanti saranno in scala HO,  troveranno posto sul plastico anche una vettura filoviaria statica e un autobus SITA dinamico, oltre ad una littorina che transiterà avanti e indietro sui binari ferroviari, dal cavalcavia delle Cure fino a quello del Ponte del Pino.  

Per quanto riguarda invece la realizzazione della vettura tranviaria  si è fatto ricorso ad i disegni in scala 1 a 10 del modello statico (per vedere questo modello vai su MODELLI – STATICO VARIO – ULTIMO TRAM DI FIRENZE FRA L’ALTRO E’ CORREDATO DALLA STORIA DEL TRASPORTO PUBBLICO A FIRENZE 1858-1958), una volta portati i disegni in scala 1 a 87 si è provveduto alla loro elaborazione con un apposito programma al taglio laser (pellicola di legno) delle varie parti, che andranno poi montate e a scelta motorizzate o meno.

Oggi novembre 2022  le vetture tranviarie sono già pronte e possono circolare, mentre il plastico per adesso è rimasto a livello di telaio e poco più ciò dovuto anche alle scarse risorse disponibili, la speranza è quella di trovare i fondi per portare avanti ed ultimare il progetto.

Di seguito le foto della vettura e delle struttura del plastico 

PROGETTO DELLE LINEE TRANVIARIE E FERROVIARIE
LA LINEA FERROVIARIA FRA IL CAVALCAVIA DELLE CURE E QUELLO DEL PONTE DEL PINO
STRUTTURA PORTANTE DEL PLASTICO
LIVELLI DEI SOTTOPASSI
TAGLIO DEI LIVELLI
PALI IN OTTONE SALDATI DELLA LINEA ELETTRICA AEREA DEL TRAM

LA VETTURA IN SCALA 1 A 87 (HO) 

INCOLLAGGIO DELLE PARETI TAGLIATE AL LASER AL SOTTOTETTO
PROSEGUE L'INCOLLAGGIO
INCOLLAGGIO CON L'AIUTO DI UNA SQUADRA
INCOLLAGGIO AL TETTO ULTIMATO
COSTOLE DI RINFORZO IN PLASTICARD
CASSA MASCHERATA PER LA VERNICIATURA
INTERNI VETTURA
POSIZIONAMENTO DEL TROLLEY O PULEGGIA
INSERIMENTO DEL MOTORE NEL SOTTOCASSA
POSISIZONAMENTO SUL BINARIO
PROVE DI CIRCOLAZIONE
TRAM - FILOBUS - e AUTOBUS SITA

Post correlati