Cerca
Close this search box.

NEWS DELL'ASSOCIAZIONE: Leggi il nostro Notiziario sempre aggiornato Scopri le ultime novità tra eventi e mostre Rimani aggiornato con le informazioni di servizio per i soci

Cerca
Close this search box.

CORAZZATA RUSSA POTEMKIN

SCALA 1 a 100    Lunghezza   226 cm.

Proprietà             Lamberto Picchi – Mario Ranieri   residenza sede associazione Pontassieve

Realizzazione      Lamberto Picchi – Mario Ranieri

Dislocamento 12900  lunghezza  113,2 mtr.  larghezza 22,2  Propulsione  3 coppie di caldaie e 2 motrici verticali a tripla espansione, 2 assi d’elica   Velocità  16,7 nodi  (30,93 Km/h  Equipaggio 731 uomini          La nave venne costruita nel cantiere navale di Nikolaev dove lo scafo fu impostato nel settembre del 1898. Dopo il varo avvenuto il 26 agosto 1900, la nave venne trasportata a Sebastopoli per il completo allestimento  Dopo le prove in mare, iniziate nel 1903, la nave entrò in servizio nel 1904 e divenne pienamente operativa solo nella primavera del 1905, assegnata nella flotta del Mar Nero presso la base navale di Odessa, entrando praticamente in servizio poco prima della fine della guerra russo-giapponese.   Il 27 giugno 1905, mentre era alla fonda nell’isola di Tendra, in attesa di essere raggiunto dal resto della flotta per prendere parte ad una esercitazione, il suo equipaggio si ammutinò in seguito al tentativo da parte del primo ufficiale Ippolit Giliarovskij di obbligare l’equipaggio a mangiare carne infestata dai vermi. il 9 agosto 1905 per cancellare il ricordo della rivolta venne ribattezzata Panteleimon. Il nome venne scelto per ricordare la data del ritorno in Russia che, secondo il calendario russo era il 27 luglio, giorno di San Pantaleone. La nave venne successivamente sottoposta a lavori di rifacimento nel 1910, nel 1915 e nel 1916. Nel corso del primo conflitto mondiale fu impiegata nel Mar Nero contro la flotta turca.

In seguito alla Rivoluzione di febbraio, il 13 aprile 1917 riprese il nome originale Potëmkin, ma il successivo 11 maggio, il nome venne ancora cambiato in Boreč za Svobodu (cirillico: Борец за свободу) che in russo significa Combattente per la libertà. Dopo la rivoluzione d’Ottobre il 29 dicembre 1917 venne incorporata nella Flotta Rossa degli operai e dei contadini (Russo: Рабоче-Крестьянский Красный флот, Raboče-Krest’janskij Krasnyj Flot o RKKF) e il 1º maggio 1918 venne catturata a Sebastopoli dagli occupanti tedeschi..

Dopo la sconfitta degli Imperi Centrali il 24 novembre dello stesso anno venne catturata dalle truppe anglo-francesi  la nave venne radiata il 21 novembre 1925.

PER VEDERE LE FASI DI LAVORAZIONE vai nella sezione WORK in PROGRESS  e cerca POTEMKIN

I due realizzatori Lamberto Picchi e Mario Ranieri
prove di illuminazione
in acqua a Novegro 2022
EXPO MODEL ITALY VERONA 2023
expo model Italy Verona 2023

Post correlati